ISEO: MUSEO MEDIEVALE A CIELO APERTO

Così importante da "battezzare" uno dei laghi più importanti d'Italia: Iseo. 

Passeggiando per il lungolago del paese, silenzioso, malinconico e romantico al tempo stesso, potrete perdervi con lo sguardo nei bellissimi paesaggi lacustri circostanti, fatti di promontori e isolotti, come la famosissima Monte Isola. 

Tra i paesi rivieraschi, Iseo è quello che ha conservato meglio la struttura urbana medievale che, seppur leggermente modificata nel corso dei secoli, si è conservata quasi intatta fino a noi. 


Il tour del borgo non può non cominciare da Piazza Garibaldi, ex magazzino del porto e attuale sede del mercato, dominata da una statua de "L'Eroe dei due mondi" di Bordini di Verona, la più antica in Italia e, curiosamente, realizzata prima che le raffigurazioni equestri prendessero il sopravvento.

Si passa, poi, al palazzo degli Oldofredi, esempio perfetto di architettura basso-medievale nella provincia di Brescia. Di forma rettangolare, protetto da torri e da un fossato, il castello nacque come presidio militare per poi essere donato ai frati cappuccini. Oggi è proprietà municipale e ospita la biblioteca comunale. 

Terminata la vostra visita al castello, potrete proseguire verso un’altra struttura che fu di proprietà della famiglia Oldofredi: il Palazzo dell’Arsenale. Questo fu utilizzato inizialmente come magazzino familiare, per poi ricoprire, appunto, la funzione di arsenale durante la dominazione veneziana. Nel periodo successivo alla “Serenissima”, il palazzo venne trasformato in un carcere minorile. Oggi, invece, al suo interno è possibile visitare il “Centro Culturale l’Arsenale”.



Merita infine una menzione speciale quello che per secoli fu il luogo di culto principale di Iseo e di tutti i comuni limitrofi: la Pieve di Sant’Andrea.

La sua struttura originaria risale addirittura al V-VI secolo, per poi subire alcune modifiche in epoca medievale ed essere ampliata internamente da Vantini perché divenuta troppo piccola per la popolazione del borgo. L’impianto architettonico è caratterizzato da un campanile al centro della facciata contenente un piccolo oratorio. Quest’ultimo venne aggiunto nel corso del XII secolo. All’interno sono conservate la tela di Francesco Hayez “San Michele Arcangelo che caccia Lucifero dal Paradiso” e una statua di San Vigilio.

 

Utilizziamo i cookie
Preferenze sui cookie
Di seguito puoi trovare informazioni sugli scopi per i quali noi e i nostri partner utilizziamo i cookie ed elaboriamo i dati. Puoi esercitare le tue preferenze in merito al trattamento e/o visualizzare i dettagli sui siti web dei nostri partner.
Cookie analitici Disattiva tutto
Cookie funzionali
Altri cookie
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti e annunci, fornire funzionalità social e analizzare il nostro traffico. Ulteriori informazioni sulla nostra politica per i cookie.
Dettagli Ho capito
Cookies