ALBEROBELLO: ce l’abbiamo solo noi

“Silva Arboris Belli”, “Selva dell’albero della guerra”: è sotto questo nome che compare per la prima volta in un documento cinquecentesco il borgo di Alberobello, nato come forma di elusione fiscale dal trono di Spagna su geniale intuizione di Gian Girolamo Acquaviva. Eletto patrimonio Unesco nel 1996, il centro storico è caratterizzato da complessi di edifici a secco, i trulli, che si snodano in un ambiente campagnolo coltivato prevalentemente a ulivi, viti e mandorle.

Utilizziamo i cookie
Preferenze sui cookie
Di seguito puoi trovare informazioni sugli scopi per i quali noi e i nostri partner utilizziamo i cookie ed elaboriamo i dati. Puoi esercitare le tue preferenze in merito al trattamento e/o visualizzare i dettagli sui siti web dei nostri partner.
Cookie analitici Disattiva tutto
Cookie funzionali
Altri cookie
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti e annunci, fornire funzionalità social e analizzare il nostro traffico. Ulteriori informazioni sulla nostra politica per i cookie.
Dettagli Ho capito
Cookies